WELC(h)OME

Dopo mille e più avventure, la cana Flora (il suo vero nome…tadaaaaa) si è trasferita in un’altra dimensione spaziotemporale. Non so esattamente dove, ma, conoscendola, credo sia un posto sicuro e colmo di leccornie. Ovviamente non è stato facile lasciarla andare. La forma del mio cuore è cambiata per sempre. Al centro esatto è rimasto un black hole. Flora è morta l’11 marzo 2020, primo giorno di lock down a Roma. Le sue ceneri sono tornate a casa in una scatola con il logo di un gatto. Per un po ho creduto che avrei abbandonato il nostro flop (che vuol dire blog in gergo floppartistico), poi ho capito che il modo migliore per stare assieme è continuare a raccontarla e a raccontarle le avventure che, se non fosse stato per lei, non sarebbero mai accadute ne mai più accadrebbero. Mancherai a tutti, amore mio. 

Nel frattempo, il 13 novembre 2019, era arrivata Sole, la nostra bimba dai capelli rossi e con la faccia buffa assai, mia e di Cana, voglio dire. Le avventure floppartistiche si sono arricchite di un nuovo personaggio.

La cosa più importante? Va tutto bene!

IMG_20170914_194532

Benvenuti,

accomodatevi,prego, da questa parte o da quell’altra, se preferite. No, non di là, di là è privato. Ma si,che ve lo dico a fare, andate pure di là e di sopra e di sotto, infilatevi ovunque, curiosate, irrompete, non bussate neanche: gli artisti non hanno privacy…figuratevi Floppartista, poi.

Floppartista ha fatto i soldi, direte voi. Ha una casa tutta sua. Si è montata la testa e si è fatta il punto com. Ebbene si, io e Cana abbiamo deciso di vivere alla grande!

Mi rendo conto che quelli tra voi che non ci conoscono siano un pò confusi,ma io vi invito a fidarvi e a lasciarvi ammaliare dalle nostre promesse. Vi racconteremo le nostre avventure, i nostri più scabrosi segreti, faremo di tutto per farvi sentire a casa, in perfetta armonia con il disordine del creato o del bigbennato, se non volete fare ricorso a un creatore o, meglio, a una creatrice.

cropped-flopmarchiodop.jpg

Tutti hanno un blog e, magari, lo sanno anche gestire e sono esperti di SEO e sanno pure cosa vuol dire SEO e scrivono frasi che hanno il ritmo e la struttura giusta per un blog e sicuramente sono più bravi di me che non sono blogger ma sono una splendida flopper ed è questo il motivo per il quale ho deciso di pubblicare un flop concedendomi anche il lusso di utilizzare un linguaggio inopportuno e di trasgredire ripetutamente le regole della blogger perché voglio perdere in pace e farmi quattro risate mentre io e la mia cana femmina andiamo a zampe all’aria per l’ennesima volta e gustarmi la meraviglia del te l’avevo detto io dalla crisi che tanto ci sta per tutti della disoccupazione della noia del perdere e ricominciare del floppare sempre del mia madre di sicuro non è uno struzzo e non mi devi leggere per forza tanto comunque io a scrivere mi son già divertita e floppo felice. Io volevo cadere non sono scivolata son caduta di proposito e non sei tu che mi hai licenziata son io che me ne sono andata e per essere superiore ti ho fatto credere che mi mandavi via e mi son fatta anche lasciare dall’uomo perchè volevo che mi lasciasse…mi piace scivolare vabbè? Mi piace sbagliare alla grande cadere senza troppi preamboli e perdere perdere sempre. Perdere tempo la memoria il fidanzato il lavoro gli amici la casa la macchina le chiavi di casa quando hai già perso la casa o anche prima e così le chiavi della macchina e la mamma e il papà e la borsetta e la linea ovvio e quel bracciale che amavo tanto e chissene perchè…perchè…perchè se perdi se cadi poi trovi poi ti alzi che se stai sempre in piedi t’annoi e non impari niente. Siamo in tanti così si cade meglio. Che dici? Yes, je so pazz e te lo ripeto se non mi vuoi leggere cambia canale tanto io me sto a divertì (come dicono a Roma!) Buonissimi flop a tutti!!!